Casa Famiglia - Comunità Educativa - Casa Madre-Bambino - Maria Ferrari - L'Aquila

Progetto Educativo Individualizzato

Sulla base del progetto quadro definito dal Servizio Sociale Territoriale, strumento operativo che comprende le scelte fondamentali d’intervento sulla famiglia d’origine per il bambino o ragazzo e per la donna nel caso d’inserimento di madre con figli,  il progetto sul bambino/a ragazzo/a verrà ulteriormente approfondito e dettagliato all’interno del progetto educativo individualizzato (PEI) o educativo-psicologico.

  • Nella casa  madre-bambino la progettualità di sostegno al minore viene ricompresa nel progetto di vita della madre, qualora non esista un decreto del Tribunale per i minorenni, caso nel quale è redatto per il bambino un progetto educativo individualizzato.  La comunità provvederà inoltre ad inviare gli aggiornamenti rispetto alle verifiche concordate, con cadenza semestrale o a seconda degli accordi intercorsi e della durata del progetto, e ogni qualvolta si ravvisi la necessità di ridefinire/riprogettare l’intervento educativo individuale.
  • La relazione con il minore ospite della Residenza è orientata dal progetto educativo individualizzato, che viene elaborato, nella sua forma completa, entro 2 mesi dall’ingresso. Esso viene definito dopo la fase di prima accoglienza, nella quale si attua un’attenta osservazione del disagio o disturbo del bambino o ragazzo, del suo vissuto, delle sue modalità di relazione e nella quale si acquisiscono tutte le informazioni utili per svolgere il ruolo educativo. Il progetto educativo individualizzato viene definito e realizzato dalla Residenza, in stretto raccordo con gli operatori dei servizi territoriali, ed è commisurato ai tempi di permanenza previsti nel progetto quadro definito dai servizi. La prima fase dell’inserimento del minore/nucleo è caratterizzata da attività osservativa da parte della Residenza, svolta a partire dagli elementi già conosciuti, con particolare attenzione alle specifiche aree di bisogno e finalizzata ad una maggiore conoscenza, necessaria ad orientare il progetto educativo individualizzato nel contesto residenziale. Il primo periodo osservativo sarà ricompreso: in un tempo variabile da 2 a 3 mesi nel caso del minore inserito in casa famiglia o in  comunità educativa; in un tempo variabile da 1 a 2 mesi per il nucleo ospite della casa madre-bambino. Entro i primi due mesi dall’inserimento è previsto un incontro di restituzione reciproca delle osservazioni tra Residenza e Servizio Sociale inviante che, se lo riterrà opportuno, potrà prevedere la presenza di altre figure sanitarie (Psicologo, Neuropsichiatra, etc) e legali che hanno in carico il minore/nucleo.
  • Contatti

    Telefono 0862 44 13 45
    Fax 0862 44 23 80
    Mobile 334 33 35 560 - 331 98 84 235
    E-mail info@residenzamariaferrari.it